Laboratorio
Orafo
Sovana

Un pò di storia

I più sorprendenti reperti venuti alla luce nella Tuscia etrusca, erano le opere di oreficeria realizzate da abili artigiani che avevano raggiunto un livello tecnico-artistico mai superato in altre culture.

La perfezione mai eguagliata è quella raggiunta dagli orafi di Vulci, Vetulonia, Cerveteri, Volterra, Chiusi, Populonia, Sovana, città che sorgevano nella Maremma Toscana e del Lazio.
Notevole è la complessità dei motivi decorati, ma anche l'estrema raffinatezza delle tecniche con le quali già nel VII e VI secolo A.C. gli orafi etruschi erano in grado di adottare, particolare è la tecnica della granulazione:attraverso l'applicazione di microscopiche sfere di dodici centesimi di millimetro di diametro riuscivano a comporre, sugli oggetti d'oro, immagini di vita quotidiana o simbologie mitologiche;questa tecnica detta appunto della granulazione a pulviscolo o a campinatura, metteva in risalto zone lisce e lucenti del metallo prezioso e delle pietre incastonate.

Queste lavorazioni antiche, tornano a vivere dopo duemila anni in una nuova dimensione e si possono riprodurre raffinati monili etruschi identici agli originali, seguendo le stesse procedure di lavorazione ed usando gli stessi materiali.Monili che posseggono ancora la componente spirituale delle grandi simbologie del più antico popolo dell'Etruria.Noi, artigiani deell'Arte Etrusca di Savona, da sedici anni ci proponiamo, nel nostro piccolo laboratorio, di creare gioielli di antica memoria come fibule, orecchini, collane, bracciali, usando monete, pietre dure o solo oro 18 carati.Ogni gioiello è garantito, non solo dalla nostra professione di anni ma anche e soprattutto dalla passione per le nostre origini e per la storia.
I pezzi che creiamo sono tutti a tiratura limitata o addirittura unici, ogni anno proponiamo due collezioni che ci impegnano non solo al lavoro del "banco" ma anche ad un minuzioso lavoro di ricerca.